Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

sLuM: Lotta alla Malnutrizione negli insediamenti informali delle aree periurbane

Burkina Faso

Stato

In corso

Tipologia di aiuto

Interventi sul progetto

Burkina Faso


Luogo

-

€ 1.120.388
Impegnati
€ 672.233
Utilizzati

Descrizione

Il progetto “sLuM: Lotta alla Malnutrizione negli insediamenti informali delle aree peri-urbane”, della durata di 36 mesi, si pone come obiettivo quello di migliorare le capacità della comunità del quartiere di Zagtouli, nella periferia di Ouagadougou, di prevenire e trattare la malnutrizione acuta infantile. Il quartiere, nato come area di insediamento informale “non lotis” e densamente popolato (quasi 60.000 abitanti), è caratterizzato da povertà diffusa e carenza di servizi igienico-sanitari di base. Con il diffondersi della pandemia da Covid-19 che ha colpito Ouagadougou e la regione del Centro, con il 66% di tutti i casi identificati nel paese dall’inizio della pandemia (dati del 26/04/2021, Ministère de la Santé), le già precarie condizioni igieniche ed abitative dei non lotis hanno aumentato la vulnerabilità degli abitanti. Conseguenza della compresenza di povertà diffusa, scarso accesso ai servizi di base ed elevata insicurezza alimentare è l’elevata prevalenza della malnutrizione infantile. La provincia di Kadiogo di cui Zagtouli fa parte, evidenzia infatti elevati tassi di malnutrizione acuta, causati sia dalla scarsità di cibo e da una dieta povera di nutrienti, che da una scarsa conoscenza delle norme igienico-sanitarie di base e dal limitato accesso all'acqua potabile e a strutture igienico-sanitarie, che causano parassitosi intestinali e elevata prevalenza di morbilità nei bambini (diarrea, malaria, insufficienza renale acuta). Il contrasto alla malnutrizione acuta avverrà tramite il raggiungimento di tre risultati attraverso un approccio multisettoriale: innanzitutto il rafforzamento dei servizi sanitari locali, per quanto riguarda la prevenzione, l'identificazione e la gestione dei casi di malnutrizione acuta infantile dei bambini 0-59 mesi. Tali servizi saranno potenziati inizialmente tramite l’aggiornamento delle competenze degli agenti sanitari, che andrà a beneficio sia del centro di salute di Zagtouli, sia della comunità. Grazie alle competenze acquisite o migliorate, gli agenti sanitari procederanno ad una migliore identificazione della malnutrizione infantile acuta (moderata e severa) mediante misurazione dei parametri antropometrici, che avverrà: i) ad ogni contatto con i pazienti nel centro di salute; ii) mediante campagne di screening organizzate ad hoc, durante le quali gli agenti sanitari insegneranno alle famiglie a riconoscere esse stesse i segni della malnutrizione infantile, tramite la ricerca degli edemi bilaterali e la misurazione del perimetro brachiale dei propri bambini. Gli agenti e/o le famiglie riferiranno i casi di malnutrizione identificati al centro di salute, affinché sia garantita la loro presa in carico medica. A livello familiare/comunitario, gli agenti sanitari insegneranno alle famiglie la presa in carico ed il follow up per assicurare il recupero nutrizionale dei propri bambini malnutriti, attraverso un’educazione mirata (educazione nutrizionale e dimostrazioni culinarie) e dei cicli di supplementazione in alimenti locali altamente energetici da svolgersi direttamente a domicilio. Anche le capacità comunitarie di prevenire la malnutrizione acuta saranno potenziate, mediante sessioni di educazione nutrizionale sulle pratiche di corretta alimentazione dei bambini 6-23 mesi. Le mamme e le famiglie saranno sensibilizzate sull’importanza dell’allattamento esclusivo al seno, dell’introduzione dell’alimentazione di complemento, della frequenza e della diversificazione dei pasti. Sempre in ottica curativa e preventiva, l’iniziativa intende agire sul piano socio-economico delle famiglie, migliorando le loro capacità di accesso ad un cibo vario e di qualità. Si procederà quindi allo sviluppo/rafforzamento di attività generatrici di reddito, che consentirà alle famiglie di acquistare il cibo, e la promozione di orticoltura urbana mediante tecniche innovative, che permetterà l’auto-produzione di cibo. leggi tutto chiudi
Anno Impegnati Utilizzati
2022 € 1.120.388 € 672.233

Finanziatore

Tipo Nome Channel code
Governo AICS - Italian Agency for Cooperation and Development 11000

Channel reported

Tipo Nome Channel code
ONG Nazionali MEDICUS MUNDI ITALIA ONG/ON 22000

Dati del progetto

  • IATI IdentifierXM-DAC-6-4-012590-02-9
  • AID012590/02/9
  • CRS Activity identifier2022000268
  • Inizio previsto 15/06/2022
  • Fine prevista 14/06/2025
  • Inizio effettivo 20/07/2022
  • Fine effettiva -
  • Canale di intervento Bilateral
  • Stato In corso
  • Tied status Legato

Settori

  • 12240 - Nutrizione di base 30.0%
  • 12261 - Educazione alla salute 20.0%
  • 12264 - COVID-19 control 5.0%
  • 14031 - Approvvigionamento di base dell'acqua potabile 10.0%
  • 14032 - Igiene di base 10.0%
  • 43072 - Household food security programmes 25.0%

Policy marker

  • Uguaglianza di Genere Non pertinente
  • Disaster Risk Reduction (DRR) Non pertinente
  • Disability Non pertinente
  • Nutrition Obiettivo principale
  • Aiuto all’Ambiente Non pertinente
  • Sviluppo partecipativo e buon governo Non pertinente
  • Sviluppo del Commercio Non pertinente
  • Biodiversità Non pertinente
  • Cambiamenti Climatici Mitigazione Non pertinente
  • Cambiamenti Climatici Adattamento Non pertinente
  • Desertificazione Non pertinente
  • Salute Materno - Infantile Obiettivo principale

SDGs

  • 2.1 - By 2030, end hunger and ensure access by all people, in particular the poor and people in vulnerable situations, including infants, to safe, nutritious and sufficient food all year round
  • 2.2 - By 2030, end all forms of malnutrition, including achieving, by 2025, the internationally agreed targets on stunting and wasting in children under 5 years of age, and address the nutritional needs of adolescent girls, pregnant and lactating women and older persons
  • 6.1 - By 2030, achieve universal and equitable access to safe and affordable drinking water for all
-
-
-