Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Salute e Telemedicina: consolidamento e rafforzamento dell’accesso alle cure sanitarie di base in Perù e Bolivia.

Perù

Stato

Implementazione

Tipologia di aiuto

Interventi sul progetto

Perù


Luogo

-

€ 2.200.000
Impegnati
€ 1.320.000
Utilizzati

Descrizione

L’iniziativa “Salute e Telemedicina: consolidamento e rafforzamento dell’accesso alle cure sanitarie di base in Perù e Bolivia” rappresenta la naturale evoluzione del progetto AID 011.479, avviato il 01/04/2018 in Perù. L’obiettivo è quello di contribuire al miglioramento delle condizioni di salute di tutti gli abitanti dell’Apurimac – Perù- e di La Paz e Pando -Bolivia- attraverso il sostegno ai Sistemi Sanitari Nazionali peruviano e boliviano. Nello specifico intende consolidare il livello di accesso ai servizi sanitari di base del Sistema Nazionale peruviano e potenziare l’accesso ai medesimi servizi del Sistema Sanitario Nazionale boliviano attraverso il rafforzamento dei servizi di Telemedicina, dei sistemi di formazione per gli operatori sanitari locali e di sensibilizzazione comunitaria volti alla promozione di sani stili di vita. I beneficiari del progetto sono le popolazioni più vulnerabili della regione dell’Apurimac in Perù e di La Paz e Pando in Bolivia. I criteri che hanno portato alla selezione dei beneficiari risiedono nel limitato accesso ai servizi sanitari di qualità, nel deficit di risorse umane professionalizzate che operano nella zona e nelle scarse risorse finanziarie governative investite in sanità. In questa situazione si inserisce l’alta esposizione a malattie infettive trasmissibili dovute alla diffusione della pandemia da SARS-COV 2 manifestatasi a inizio 2020. Nelle due Province Alte dell’Apurimac (Abancay e Cotabambas), attraverso l’introduzione della Telemedicina, è stato possibile rispondere ai bisogni di salute delle popolazioni più isolate e vulnerabili. In Bolivia, a fronte di un lancio mediatico del servizio di Telemedicina, si riscontrano ad oggi ancora forti difficoltà nell’integrazione della Telemedicina tra i servizi offerti dal Sistema Sanitario Nazionale. L’iniziativa in oggetto, al fine di moltiplicare gli effetti positivi del progetto AID 011.479, vuole estendere l’intervento a tutte e 7 le province dell’Apurimac (Abancay, Andahuaylas, Antabamba, Aymaraes, Chincheros Cotobambas, Grau) e alle due aree di intervento in Bolivia (La Paz e Pando) creando un sistema sanitario integrato, in grado di garantire risposte efficienti ed efficaci ai bisogni della popolazione più vulnerabile, aggravati pesantemente dalla diffusione della pandemia. La strategia proposta ha quindi una doppia funzione: la prima è di consolidamento dell’intervento avviato nella regione Apurimac, Perù; la seconda è di scambio e condivisione di buone prassi per il rafforzamento del Programma Nazionale di Telesalute in Bolivia in un’ottica di scambio di best practice e di avvio di un sistema di cooperazione Sud-Sud. Il progetto si focalizza sui principali problemi dei sistemi sanitari pubblici, mirando a quattro risultati concreti: potenziare i sistemi sanitari nel contesto di riferimento attraverso innovazioni tecnologiche e formazione del personale di salute; migliorare l’accesso ai servizi di assistenza sanitaria erogati attraverso la telemedicina per la popolazione più vulnerabile dell'Apurimac -Perù- e di La Paz e Pando –Bolivia-; diffondere una corretta cultura della salute e della prevenzione e sensibilizzazione verso sani stili di vita presso le comunità beneficiarie dell'intervento; migliorare la qualità dei servizi sanitari e delle politiche sanitarie dei due Paesi attraverso studi di settore e scambio di buone pratiche. Al fine di raggiungere gli obiettivi e i risultati previsti è stato concepito un partenariato tra attori italiani e locali in grado di facilitare assistenza tecnica e supporto alle attivitá di competenza degli enti locali beneficiari e rafforzare le politiche sanitarie di Perù e Bolivia. Apurimac ETS e Centro di Salute Globale, in stretta sinergia con la DIRESA, attiveranno gli strumenti necessari in grado di potenziare e innovare il sistema sanitario dal punto di vista tecnologico (quali i Kit di Telemonitoraggio e il Centro di Simulazione Sanitaria Didattica-CSSD leggi tutto chiudi
Anno Impegnati Utilizzati
2022 € 2.200.000 € 1.320.000

Finanziatore

Tipo Nome Channel code
Governo AICS - Italian Agency for Cooperation and Development 11000

Esecutore

Tipo Nome Channel code
ONG Nazionali APURIMAC ONLUS 22000

Dati del progetto

  • IATI IDXM-DAC-6-4-012590-09-5
  • Data inizio prevista 01/07/2022
  • Data di completamento -
  • Tipo di finanziamento Standard grant
  • Flow type ODA
  • Bi/Multilaterale Bilaterale
  • Stato Implementazione
  • Legato/Slegato Legato

Settori

  • 12110 - Politiche per la sanità e gestione amministrativa 10%
  • 12181 - Istruzione e formazione medica 20%
  • 12191 - Servizi medici 8%
  • 12220 - Cura della salute di base 30%
  • 12261 - Educazione alla salute 12%
  • 12264 - COVID-19 control 10%
  • 12310 - NCDs control, general 10%

Policy marker

  • Uguaglianza di Genere Non pertinente
  • Disaster Risk Reduction (DRR) Non pertinente
  • Disability Non pertinente
  • Nutrition Obiettivo significativo
  • Aiuto all’Ambiente Non pertinente
  • Sviluppo partecipativo e buon governo Obiettivo principale
  • Sviluppo del Commercio Non pertinente
  • Biodiversità Non pertinente
  • Cambiamenti Climatici Mitigazione Non pertinente
  • Cambiamenti Climatici Adattamento Non pertinente
  • Desertificazione Non pertinente
  • Salute Materno - Infantile Obiettivo significativo

Obiettivi

  • 3.2 - By 2030, end preventable deaths of newborns and children under 5 years of age, with all countries aiming to reduce neonatal mortality to at least as low as 12 per 1,000 live births and under-5 mortality to at least as low as 25 per 1,000 live births
  • 3.3 - By 2030, end the epidemics of AIDS, tuberculosis, malaria and neglected tropical diseases and combat hepatitis, water-borne diseases and other communicable diseases
  • 3.4 - By 2030, reduce by one third premature mortality from non-communicable diseases through prevention and treatment and promote mental health and well-being
-
-
-