Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Follow the SUN - Universal Health: active communities for access to primary health care in rural areas

Mozambico

Stato

Implementazione

Tipologia di aiuto

Interventi sul progetto

Mozambico


Luogo

-

€ 1.455.668
Impegnati
€ 873.401
Utilizzati

Descrizione

Il progetto “Follow the SUN-Salute UNiversale”, della durata di 36 mesi, promuove l’accesso universale ai servizi sanitari attraverso un programma decentrato di promozione della salute che si propone di contribuire ad incrementare l’accesso ai servizi di assistenza sanitaria di base per le comunità più vulnerabili delle aree rurali dei Distretti di Morrumbene, Funhaloro, Massinga, Panda nella Provincia di Inhambane, e di Caia, Marromeu e Cheringoma nella Provincia di Sofala. Il contesto rurale di intervento è caratterizzato da una persistente difficoltà di accesso di donne e bambini ai servizi di salute materno-infantile. I problemi socio-sanitari dell’area geografica di riferimento, in particolare la mortalità infantile e la malnutrizione, sono esacerbati dalle recenti calamità naturali (cicloni) e dal perdurare dell’emergenza legata alla pandemia da Covid-19. ll MISAU (Ministero della Salute del Mozambico) promuove il programma di Brigadas Móveis, équipe sanitarie multidisciplinari mobili, come uno dei pochi strumenti per decentralizzare i servizi di salute di base e raggiungere le popolazioni più svantaggiate e remote. Tuttavia, questo strumento viene applicato in maniera discontinua e non uniforme nei distretti delle Province di Sofala e Inhambane. Il progetto prevede un’azione su un duplice livello, istituzionale e comunitario, per favorire la ownership locale, attraverso il rafforzamento delle risorse umane in ambito sanitario e comunitario presenti sul territorio, con l’obiettivo di aumentare l’accesso ai servizi primari, promozionali e preventivi. Con un approccio di intervento orizzontale che promuove la realizzazione di Brigadas Móveis Integradas (BMI) nei distretti selezionati, si risponderà alla necessità di fornire servizi primari a tutta la popolazione: si renderanno accessibili a tutti i servizi legati ai principali programmi nazionali di salute di base (Programma Allargato di Vaccinazione, Riabilitazione Nutrizionale, Salute Materno Infantile) oltre a test&counselling dell’HIV, diagnosi e trattamento di patologie comuni (malaria, diarrea, infezioni respiratorie), anche tramite la formazione e il training on the job degli operatori sanitari e sessioni di educazione socio-sanitaria. Dall’altro lato, il progetto vuole promuovere e rafforzare il ruolo delle figure comunitarie (Agenti Comunitari di Salute-ACS) attive nella promozione della salute e prevenzione di malattie trasmissibili. Gli ACS, riconosciuti formalmente dalle autorità, svolgono un ruolo di raccordo tra le comunità ed il servizio sanitario locale, essenziale per produrre un cambiamento di comportamento all’interno della società. Le azioni proposte mirano a rafforzare gli ACS esistenti e ad attivarne di nuovi nelle aree target, al fine di integrare il lavoro svolto dal servizio pubblico e garantire dunque una copertura sanitaria, di prevenzione e promozione alla salute, continuativa e universalmente accessibile. Le attività promosse vogliono garantire la qualità e la regolarità dei servizi di base, attraverso la formazione continua e l’accompagnamento sul campo del personale sanitario impegnato nella realizzazione delle BMI. Le uscite saranno accompagnate da sessioni di educazione socio sanitaria per la popolazione target, realizzate dal personale medico al fine di promuovere buone pratiche sanitarie ed aumentare il livello di prevenzione. A completamento di questi interventi, realizzati su base mensile o trimestrale, gli ACS realizzeranno attività di promozione e prevenzione presso le comunità rurali con campagne di sensibilizzazione teatrali, dimostrazioni culinarie e interventi su radio comunitarie locali, e svolgeranno una vigilanza attiva garantendo assistenza primaria alla popolazione più vulnerabile con attività di visite domiciliari ai malati gravi, recupero dell’assistenza ai malati che hanno abbandonato la terapia antiretrovirale dell’HIV e riferimento ai centri di salute per i casi più gravi. leggi tutto chiudi
Anno Impegnati Utilizzati
2022 € 1.455.668 € 873.401

Finanziatore

Tipo Nome Channel code
Governo AICS - Italian Agency for Cooperation and Development 11000

Esecutore

Tipo Nome Channel code
ONG Nazionali MEDICUS MUNDI ITALIA ONG/ON 22000

Dati del progetto

  • IATI IDXM-DAC-6-4-012590-07-5
  • Data inizio prevista 01/07/2022
  • Data di completamento -
  • Tipo di finanziamento Standard grant
  • Flow type ODA
  • Bi/Multilaterale Bilaterale
  • Stato Implementazione
  • Legato/Slegato Legato

Settori

  • 12110 - Politiche per la sanità e gestione amministrativa 11%
  • 12220 - Cura della salute di base 9%
  • 12240 - Nutrizione di base 10%
  • 12250 - Controllo delle malattie infettive 10%
  • 12261 - Educazione alla salute 10%
  • 12264 - COVID-19 control 10%
  • 12281 - Sviluppo del personale sanitario 10%
  • 13020 - Cura della salute riproduttiva 10%
  • 13030 - Pianificazione familiare 10%
  • 13040 - Controllo delle malattie sessualmente trasmissibili incluso l' aids 10%

Policy marker

  • Uguaglianza di Genere Obiettivo significativo
  • Disaster Risk Reduction (DRR) Non pertinente
  • Disability Non pertinente
  • Nutrition Obiettivo significativo
  • Aiuto all’Ambiente Non pertinente
  • Sviluppo partecipativo e buon governo Obiettivo significativo
  • Sviluppo del Commercio Non pertinente
  • Biodiversità Non pertinente
  • Cambiamenti Climatici Mitigazione Non pertinente
  • Cambiamenti Climatici Adattamento Non pertinente
  • Desertificazione Non pertinente
  • Salute Materno - Infantile Obiettivo significativo

Obiettivi

  • 3.2 - By 2030, end preventable deaths of newborns and children under 5 years of age, with all countries aiming to reduce neonatal mortality to at least as low as 12 per 1,000 live births and under-5 mortality to at least as low as 25 per 1,000 live births
  • 3.7 - By 2030, ensure universal access to sexual and reproductive health-care services, including for family planning, information and education, and the integration of reproductive health into national strategies and programmes
  • 3.8 - Achieve universal health coverage, including financial risk protection, access to quality essential health-care services and access to safe, effective, quality and affordable essential medicines and vaccines for all
  • 3.b - Support the research and development of vaccines and medicines for the communicable and non-communicable diseases that primarily affect developing countries, provide access to affordable essential medicines and vaccines, in accordance with the Doha Declaration on the TRIPS Agreement and Public Health, which affirms the right of developing countries to use to the full the provisions in the Agreement on Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights regarding flexibilities to protect public health, and, in particular, provide access to medicines for all
-
-
-