Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

FONDO COVID-19_AID_011465: Securing Women Migration Cycle

Libano

Stato

Verifiche post completamento

Tipologia di aiuto

Interventi sul progetto

Libano


Luogo

-

€ 77.228
Impegnati
€ 77.228
Utilizzati

Descrizione

FONDO COVID-19_AID_011465: Iniziativa volta all'assistenza, la protezione ed il rimpatrio di donne migranti in Libano, con focus sull'Etiopia leggi tutto chiudi
Anno Impegnati Utilizzati
2020 € 77.228 € 77.228

Finanziatore

Tipo Nome Channel code
Governo AICS - Italian Agency for Cooperation and Development 22000

Esecutore

Tipo Nome Channel code
ONG Nazionali CENTRO LAICI ITALIANI PER LE MISSIONI ONG/ON 22000

Dati del progetto

  • IATI IDXM-DAC-6-4-012127-02-4
  • CRS Activity identifier2020000002
  • Data inizio prevista 13/06/2020
  • Data di completamento -
  • Tipo di finanziamento Standard grant
  • Flow type ODA
  • Bi/Multilaterale Bilaterale
  • Stato Verifiche post completamento
  • Legato/Slegato Slegato

Settori

  • 15160 - Diritti umani 50%
  • 15180 - Fermare la violenza contro donne e ragazze 50%

Policy marker

  • Uguaglianza di Genere Obiettivo significativo
  • Aiuto all’Ambiente Non pertinente
  • Sviluppo partecipativo e buon governo Obiettivo principale
  • Sviluppo del Commercio Non pertinente
  • Biodiversità Non pertinente
  • Cambiamenti Climatici Mitigazione Non pertinente
  • Cambiamenti Climatici Adattamento Non pertinente
  • Desertificazione Non pertinente

Obiettivi

  • 10.7 - Facilitate orderly, safe, regular and responsible migration and mobility of people, including through the implementation of planned and well-managed migration policies
  • 5.2 - Eliminate all forms of violence against all women and girls in the public and private spheres, including trafficking and sexual and other types of exploitation
  • 8.8 - Protect labour rights and promote safe and secure working environments for all workers, including migrant workers, in particular women migrants, and those in precarious employment
-
-
-